“è tutto in armonia”

La Fondazione Maffi incontra Don Luigi a Romena

di Vanessa Carli

Ieri, mercoledì 28 luglio 2021, un gruppo di circa trenta persone della Fondazione Maffi ha trascorso una giornata a Romena.

L’iniziativa è partita dai “Maffini”, i giovani animatori della fondazione, coordinati da Valentina Calì.

Accolti nella Pieve che risale al 1152 d.c.  e che ha visto il passaggio di  pellegrini da quasi un millennio, queste persone  hanno predisposto il loro cuore e la loro anima a cercare “la perla che è in ciascuno di noi”

Per capire cosa sia questa perla Don Luigi ci parla di sé, della sua storia, ci dice che la vita va vissuta, che dobbiamo ascoltare di più e parlare di meno.

Ci invita ad alzarci e ad osservare bene; la modernità sembra aver ucciso la bellezza, la tenerezza e la gioia.

E’ partendo da questi concetti che ci è data la possibilità di visitare Romena, immergerci nella natura e nelle opere fatte dalle mani di Don Luigi; icone realizzate con materiali naturali, scarti di ferri vecchi e oggetti da lavoro non più utilizzabili.

Scopriamo che tutto è in armonia, niente è fatto a caso, c’è una ricerca di semplicità e bellezza, si parte dalla terra, dagli alberi, dal rispetto e dall’ascolto della natura.

Per questo siamo invitati a percorrere la ”via della resurrezione”, un’altra invenzione di Don Luigi; un vero e proprio cammino  nel verde dove  percorriamo varie tappe e riflettiamo su otto parole: umiltà, fiducia, libertà, leggerezza, perdono, fedeltà, tenerezza e amore.

Sono ormai quattordici anni che frequento Romena”, dice Cesare Allegretti che ha voluto condividere questa esperienza  “ma ogni mese torno qui”,

Il direttore della Maffi, Massimo Rapezzi, ha sottolineato la necessità di ulteriori incontri rivolti ai  giovani della Fondazione.  

Alessandra Desideri, educatrice e referente della bottega dei germogli porta i saluti dei fratelli preziosi a Don Luigi  regalando una piccola intervista degli artigiani e 100 fiori di ceramica realizzati interamente a mano.

“Arrivederci Romena e grazie, ci siamo sentiti a casa, è tutto davvero  in armonia”, “l’esperienza andrà sicuramente ripetuta”  ribadisce Antonella Peroni, direttore Area Qualità e Sviluppo della Maffi.

Il pullman che ha fatto ritorno in serata a Pisa ha portato con sé un'esperienza significativa che aiuterà sicuramente la Fondazione nella continua ricerca della bellezza della fragilità, della prossimità e delle relazioni.

Condivi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scopri di più

Fondazione Casa Cardinale Maffi Onlus

VIA DON PIETRO PARDUCCI 1
57023, San Pietro in Palazzi

C.F. / P.IVA
00276530490
info@fondazionemaffi.it
phone-handset linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram